Argo acquista $500K-Worth di Zcash Miners come Bitcoin Revenue Shrivels

Argo ha quasi raddoppiato la sua capacità di estrazione di zcash, forse perché sembra diversificarsi dal bitcoin.

La società mineraria quotata in borsa ha acquistato 750 Antminer Z11, specializzati nell’algoritmo Equihash, per un totale di 474.000 dollari. Le piattaforme sono ora già in funzione e stavano lavorando a pieno regime, ha detto Argo in un deposito presso la Borsa di Londra (LSE).

Solo una manciata di monete utilizzano l’algoritmo

Solo una manciata di monete utilizzano l’algoritmo Equihash e la più grande, di gran lunga, è lo Zcash. L’acquisizione significa che Argo – che è quotata alla LSE nel 2018 – ha aumentato significativamente la sua capacità di estrazione di zcash. I nuovi Z11 si aggiungono ai 1.000 impianti che la società possiede già.

Il potere minerario di Argo si concentra principalmente sul Crypto Trader. A maggio, l’azienda disponeva di un totale di 18.000 impianti minerari, di cui 17.000 concentrati sull’algoritmo SHA-256, utilizzato principalmente dal bitcoin.

Ma da quando Argo ha acquistato il suo primo lotto di minatori Z11 nel maggio 2019 – nel tentativo di recuperare il prezzo delle sue azioni dopo una perdita di 5,3 milioni di dollari al lordo delle imposte nel 2018 – è diventato uno dei più grandi minatori zcash. La società ha dichiarato sul suo sito web di costituire circa il 3,5% del potere minerario della rete.

Supponendo che l’hashrate totale rimanga invariato, i 750 minatori aggiuntivi significa che Argo potrebbe ora costituire qualcosa come il 6% della catena di blocco di Zcash.

„La strategia corretta è quella di continuare a investire nelle infrastrutture minerarie“, ha dichiarato l’amministratore delegato Peter Wall, in una dichiarazione. „L’attuale flotta di Z11 di Argo ha ottenuto risultati estremamente positivi, e siamo lieti di aggiungere una maggiore capacità mineraria di Equihash alla nostra flotta di macchine“.

Sebbene Bitmain, il produttore cinese della Z11, abbia nel frattempo rilasciato un minatore Equihash più potente, Argo sostiene che otterrebbe comunque un migliore ritorno sull’investimento dal modello più vecchio – che è stato rilasciato nel marzo 2019.

La società stima di aver recuperato

La società stima di aver recuperato completamente il prezzo di acquisto di 474.000 dollari in circa otto mesi.

Come il resto del mercato della crittovaluta, zcash è crollato sulla scia della pandemia. Dopo aver raggiunto i 73 dollari a febbraio, la moneta è subito scesa a un minimo di tre anni a meno di 24 dollari a metà marzo. Ha riguadagnato molto terreno negli ultimi tre mesi, scambiando a circa 53 dollari all’inizio della settimana. Secondo i dati di CoinDesk, Zcash era salito a poco meno di 60 dollari al momento della stampa.

Oltre ad aumentare i prezzi dello zcash, è anche possibile che Argo si stia diversificando dal bitcoin. All’inizio di questo mese, la società ha riportato un calo delle entrate di 600.000 dollari, in parte perché un taglio della ricompensa in blocco le ha permesso di estrarre circa 60 bitcoin in meno con lo stesso numero di macchine.

Il calcolatore della redditività mineraria di CryptoCompare mostra che l’estrazione di Zcash con una Z11 ha portato rendimenti molto maggiori – oltre 130 dollari al mese – rispetto al bitcoin che, anche con gli ultimi impianti S17, avrebbe comunque estratto con una perdita di circa 90 dollari al mese.

CoinDesk si è rivolto ad Argo per un commento, ma un portavoce della società non ha risposto entro l’ora della stampa.

Dieser Beitrag wurde unter Bitcoin veröffentlicht. Setze ein Lesezeichen auf den Permalink.